TASSA SULLE SUCCESSIONI E SULLA DONAZIONI CATALOGNA

2020/12/05

Incidenza speciale alle successioni con l'azienda di famiglia

Il 24 aprile 2020 sono stati approvati i bilanci per la comunità autonoma della Catalogna e, di conseguenza, sono state introdotte modifiche nella tassa sulle eredità e sulle donazioni applicabile in Catalogna.

Le principali novità, come vedremo più avanti, sono l'introduzione di un coefficiente moltiplicatore basato su attività preesistenti e la riduzione dei bonus che potrebbero essere applicati alla quota. Quanto sopra implica un aumento dell'importo dell'imposta da pagare.

Le attuali tabelle delle imposte sono mantenute e pertanto continuano ad essere le seguenti:

La tabella delle imposte ridotte si applica alle donazioni dei gruppi di parentela I e II (acquisizioni di discendenti e adottati, coniugi, ascendenti e adottanti) purché sia ​​formalizzata in un atto pubblico.

Per quanto riguarda le modifiche applicabili, troviamo quanto segue:

Coefficienti del moltiplicatore di introduzione

I coefficienti moltiplicativi del patrimonio preesistente per grado di relazione con il defunto (persona deceduta) vengono reintrodotti per la determinazione della quota liquida da pagare sia per le successioni che per le donazioni.

Questa nuova scala di coefficienti correttori riguarda solo i contribuenti dei gruppi di parentela I e II (acquisizioni di discendenti e adottati, coniugi, ascendenti e adottanti), che possono vedere un aumento della commissione finale da pagare fino al 20% se le loro attività preesistente supera i 4 milioni di euro.

I coefficienti sono i seguenti:

Cioè, diversamente da quanto accaduto fino ad ora, la quota risultante delle prime due tabelle deve essere moltiplicata per i coefficienti precedenti. (Esempio di un bambino con un capitale proprio preesistente di € 700.000 e una commissione da pagare di € 23.000 pagherebbe con l'applicazione dei nuovi coefficienti 23.000 * 1,1 = € 25,300)

Bonus di riduzione nelle acquisizioni mortis-causa

Sono state apportate varie modifiche al bonus di acquisizione mortis-causa:

  1. Finora, la tabella dei bonus di parentela applicabile a Gruppo I. (acquisizione da parte di discendenti e adottati di età inferiore ai 21 anni) e Gruppo II (acquisizioni di discendenti e adottati di ventuno o più anni, antenati e adottanti) era unica. Ora viene creato un nuovo tavolo bonus per coloro che sono inclusi nel gruppo di parentela II, lasciando quello esistente fino ad ora solo per il gruppo I.
  2. Quei contribuenti che scelgono di applicare i bonus e le riduzioni richiesti (tranne la riduzione per la trasmissione della residenza abituale), perdono il diritto di applicare il bonus di parentela, tranne nel caso di acquisizioni da parte del coniuge. Ad oggi hanno applicato la tabella dei bonus ridotta della metà se, ad esempio, hanno applicato una delle riduzioni richieste come la cosiddetta impresa familiare che ha un bonus del 95%

In ogni caso, il bonus di relazione del 99% 100 viene mantenuto nelle trasmissioni causa della morte tra i coniugi.

Le nuove tabelle bonus di parentela diventano le seguenti:

Come abbiamo detto prima, questi bonus non si applicano più quando viene applicato il bonus aziendale familiare del 95%.

conclusioni:

Le modifiche applicate all'imposta sulle successioni e sulle donazioni implicano una tassazione più elevata per quanto segue:

  • L'applicazione dei coefficienti per il patrimonio preesistente implica che maggiore è il patrimonio precedente del destinatario dell'eredità o della donazione, maggiore è il pagamento dell'imposta.
  • Gli sconti sulla quota sono ridotti tranne nel caso dei coniugi e del gruppo I (acquisizione da parte di discendenti e adottati di età inferiore ai 21 anni).
  • Le persone che applicano lo sconto del 95% per l'acquisizione di un'azienda familiare perdono il diritto di applicare lo sconto a rate sul resto delle attività.

Si noti che la riduzione dei bonus da applicare e l'effetto dei coefficienti moltiplicatori può comportare un aumento considerevole dell'importo da pagare e, anche dal punto di vista fiscale, può finire per essere in alcuni casi una donazione vivente più interessante di un'acquisizione mortis, in particolare quando è coinvolta un'azienda familiare.

A loro volta, le imprese familiari dovranno essere molto attente a disaccoppiare i beni interessati dalle attività economiche dai non interessati poiché lo sconto del 95% sarà applicabile solo rispetto al primo e con le nuove potenziali quote sarà molto più facile localizzarci in l'ambiente del crimine fiscale.

Se hai bisogno di ulteriori informazioni, non esitare a contattarci tramite 932386043.